VIVIENNE WESTWOOD, I SUOI PENSIERI SULLA MODA E LA SPOSA PUNK

Pubblicato da il 2 dic 2015 in ATTUALITÀ

VIVIENNE WESTWOOD, I SUOI PENSIERI SULLA MODA E LA SPOSA PUNK

«Comprate meno e scegliete meglio». È il consiglio che sta circolando in rete. E se è Vivienne Westwood a lanciarlo… Certo, lei è sempre stata sopra le righe, fin da quando – nel 1971- creò il fenomeno punk con l’allora compagno Malcom McLaren (successivamente diventato manager dei Sex Pistols): con lui aprì a Londra il negozio e ritrovo “Let It Rock” (oggi “World’s End”) al 430 di King’s Road. Ma negli anni la Westwood è andata oltre il fenomeno punk perché, per sua stessa ammissione: «Non sono i capelli verdi che ti rendono diversa, ma il tuo cervello, la tua attitudine nei confronti della vita. E le idee le avevamo, Malcolm e io».

Stilista ribelle, creatrice decostruzionista, Vivienne Westwood disegna anche abiti da sposa. Ricordate il matrimonio di Carrie Bradshow con Mr. Big in “Sex and the City”? Il suo abito (acconciatura piumata compresa) un Westwood di tutto rispetto.

Sull’onda dell’attualità, dunque, che ha riportato la rossa inglese ribelle agli onori della cronaca, mi piace mostrarvi alcune delle sue proposte per la sposa. Collezioni passate ma ancora attuali.

Un frame di "Sex and the City": la sposa Carrie indossa un Vivienne Westwood

Un frame di “Sex and the City”: la sposa Carrie indossa un Vivienne Westwood

La sposa punk. Ma, soprattutto, per il trucco...

La sposa punk. Ma, soprattutto, per il trucco…

 Amor patrio: la bandiera inglese come corpetto dell'abito vaporoso

Amor patrio: la bandiera inglese come corpetto dell’abito vaporoso

Abito corto o lungo? Nell'indecisione, un ottimo compromesso

Abito corto o lungo? Nell’indecisione, un ottimo compromesso

 Drappeggi, avvolgenze. E un gioiello di famiglia sul décolléte

Drappeggi, avvolgenze. E un gioiello di famiglia sul décolléte

VIVIENNE WESTWOOD 6 La signora degli anelli